Tag

, ,

Buongiorno,
ho un paio di domande .
E’ vero che l’amministratore è obbligato a fare un decreto ingiuntivo per i condomini morosi? Quanto costa e quali tempi prevede? E’ vero che per morosità fino a una certa cifra si può ricorrere al Giudice di Pace con costi e tempi molto ridotti?

Buongiorno,
ad oggi nel codice civile non c’è un vero e proprio obbligo per l’amministratore di ricorre al decreto ingiuntivo, anche se questo deriva chiaramente dall’obbligo, diciamo così, di far tornare i conti.
Invece, nella riforma condominiale appena approvata (che entrerà in vigore fra 6 mesi) si dice espressamente che “l’amministratore è tenuto ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute “, e questo entro 6 mesi dalla chiusura
dell’esercizio.

Attenzione, anche se non è obbligatorio, è comunque preferibile, prima di richiedere decreto ingiuntivo, che l’amministratore provveda alla messa in mora del condomino moroso ex art. 1219 cc (per farlo è sufficiente una raccomandata in cui si richiede il pagamento).

In tutto il procedimento dovrebbe prendere (se non ci sono ricorsi) 2/3 mesi
circa.

Per quanto riguarda i costi, questi dipendono dall’entità della morosità, dai costi per i legali e dall’eventuale ricorso del condomino moroso. In ogni caso questi costi, nella loro totalità, possono essere accollati allo stesso condomino moroso.
E’ possibile ricorrere al giudice di pace, ma in questo caso gli unici costi che cambiano sono quelli legali visto che (per decreti ingiuntivi fino a 1.100 euro) è possibile non servirsi di un avvocato, cosa comunque che io sconsiglierei, perchè non è detto un amministratore abbia la competenza necessaria.

Teseo Parolini
Studio Pieffe