Tag

, , ,

Buongiorno,
vorrei porre il mio problema: il precedente amministratore è sparito con 15.000.00 euro, abbiamo cambiato amministratore chiedendo di procedere con una denuncia. Sono passati 6 mesi e la denuncia non è stata fatta . Adesso ci ritroviamo a dover pagare fatture non pagate e il nuovo amministratore ci ha chiesto di versare entro due settimane 500 euro per appartamento. Ma un debito non deve essere diviso per millesimi? Ho provato a parlare con il nuovo amministratore , ma non è stato possibile avere una risposta .

Buongiorno,
il fatto che l’amministratore non risponda non è un bel segno, ma andiamo con ordine.
Il debito deve essere diviso per millesimi. Più precisamente, il debito di un  condominio è suddiviso in voci di spesa per ognuna delle quali deve applicarsi un’opportuna tabella millesimale. Forse l’amministratore ha deciso di chiedere ad ogni appartamento una cifra forfettaria per far fronte alle spese più immediate, rinviando la suddivisione in millesimi al consuntivo (che conterrà quindi i conguagli positivi o negativi). E’ una procedura che si può applicare per le emergenze, anche se non si capisce, nel vostro caso, che emergenza sia, visto che sono passati 6 mesi.
Date le informazioni che ci ha dato, le consiglio di scrivere al suo amministratore (con una raccomandata) esponendogli i suoi dubbi e chiedendogli esplicitamente:
A) a che punto è la denuncia;
B) quali sono i criteri applicati per suddividere il debito del condominio.
Se non riceve risposta, per il primo punto le ricordo che la denuncia può anche essere presentata da un singolo condomino, mentre per il secondo punto può richiedere al più presto un’Assemblea .
Teseo Parolini

Annunci